Il blog è condivisione, esperienze culinarie a parte è anche un modo per trovare qualcosa che ci accomuna...la cucina. Ieri parlavo con mia cognata di come fare una crema pasticcera e mi è venuto spontaneo dirgli "guarda sul blog, cè!" e di rimando lei mi risponde, "No, guada che non cè....l'ho cercata, ho guardato anche nelle creme ma niente, non l'ho trovata!" Oh cavoli...possibile che non sia inserita?  In effetti cè, ma essendo collegata ad una ricetta è praticamente introvabile....e così mi è sembrato doveroso creare questo post, così finalmente sia lei che altre come lei, non debbano fare le rabdomanti nel mio blog ed impazire dietro la crema....hahahaha

Ora, se navigando vedete che manca qualcosa o se non la trovate dove dovrebbe essere, per carità ditemelo! Lo sapete che ho solo due neuroni, uno che si nasconde e l'altro che lo cerca, quindi datemi una mano dove sti due non arivano!! ^_^ 

Ecco a voi la ricetta....buon pastis!!

Crema Pasticcera
  • 500 latte
  • 3 tuorli
  • 70 gr. farina
  • 100 gr. zucchero
  • Buccia di mezzo limone o vaniglia (io ho usato essenza di Bergamotto)

In un pentolino mettete il latte e la buccia di mezzo limone (occhio, solo la buccia, niente bianco!) vaniglia, in una terrina unite i tuorli con lo zucchero, amalgamate con un cucchiaio di legno e quando risultano ben omogenee aggiungete la farina. Rimestate ancora sino ad ottenere una crema fluida. Appena il latte accenna il bollore spegnete, togliete le scorze di limone e lasciate intiepidire un po'. Aggiungete poco per volta il latte alle uova e amalgamate sempre con il cucchiaio. Quando la crema avrà assorbito almeno 1/4 del latte potrete versare la crema nel pentolino del latte. A questo punto riaccendete il fuoco a fiamma moderata e continuando a mescolare lasciate che la crema si addensi. Ricordate che la crema diventerà più soda da fredda, quindi non fatela inspessire troppo sul fuoco altrimenti avete una polenta dolce...

Tagged: ,

3 commenti:

  1. Buonissima, se trovo qualche mancanza in rete te lo dico così rimedi. A proposito, da noi, a volte, si fa addensare apposta, poi si stende in un recipiente grande (va bene anche la banda del forno) e quando è fredda si taglia a rombi o a quadretti, si impanna come le cotolette e si frigge... da magiare tiepida (sempre si riesca a farla intiepidire e non si spazzoli bollente!!!)

    RispondiElimina
  2. Che libidine!!!!!!!! Alda, la devo provare! Grazie!! Smakkk

    RispondiElimina
  3. MMMMMMMM che buona, noi guarda caso domani la mangiamo fritta!!

    RispondiElimina

Se ti scappa di dirmi qualcosa...non trattenerti!! Grazie comunque per la tua visita, la prossima volta però sparecchi tu...